FinTech : tra Finanza e Tecnologia

Negli ultimi anni abbiamo sentito molto parlare del termine Fintech e dal 2018 stanno nascendo moltissime StartUp Fintech.

Ma cosa vuol dire Fintech? In cosa consiste questa industria multimiliardaria che sta piano piano cambiando il mondo del Business?

 

CHE COS’ E’?

Il termine Fintech è nato nel 2011 dalla crasi letteraria ed una fusione innovativa di due aree di Business già molto radicate nel mondo: Finance e Tecnology.

Il termine Fintech deriva, infatti, dalla crasi di Financial Tecnology, che in italiano si traduce letteralmente con tecnologia finanziaria o, colloquialmente, nel più utilizzato Tecnofinanza.

La FinTech è una macrocategoria che accorpa e riunisce tutte quelle innovazioni tecnologiche che stanno rivoluzionando l’intero panorama finanziario.

Da un lato, dunque, abbiamo una domanda per servizi finanziari personalizzati e innovativi destinata a crescere nei prossimi anni; dall’altro lato, insieme alle assicurazioni e alle istituzioni finanziarie tradizionali, abbiamo soprattutto le banche spremute dalla crisi, lente nel muoversi, con costi di struttura pesanti, per molti versi inadeguate ad affrontare questo cambiamento. Nel mezzo mille opportunità, ovviamente per chi le sa cogliere per partecipare a questa rivoluzione: la rivoluzione Fintech.

 

CARATTERISTICHE E BENEFICI

Anche se il neologismo, a primo impatto, sembri complesso, l’obiettivo di tale rivoluzione è esattamente opposto! 

Il Fintech avvicina le persone a un’esperienza nuova e più agevole della finanza. Le aziende Fintech si distinguono perché utilizzano la tecnologia per portare un vero beneficio alle persone.

In questo momento storico dove le Banche e la finanza in generale “incutono timore” ai cittadini e la tecnologia cerca di semplificare qualsiasi tipo di processo (dal sociale all’aziendale), la Fintech è la scelta democratica di rinnovamento.

I benefici di tale industria sono:

  • Semplicità/Accessibilità: la  Fintech rende piacevole e accessibile la finanza a più persone possibili in qualsiasi momento
  • Economicità: grazie alla rivoluzione Fintech si abbassano i costi di gestione dell’intero ecosistema bancario e si rendono più diffuse informazioni altrimenti destinati a pochi
  • Trasparenza: grazie all’apporto sostanziale della tecnologia tutti i processi fintech (dal pagamento online alla richiesta di prestito online) sono tracciati ed inoltre le persone avranno controllo e chiarezza sulle caratteristiche e i costi dei servizi; 

I SETTORI

La Rivoluzione Fintech si sta espandendo sempre di più e si sta radicando in moltissimi settori di business. In particolare attualmente si identificano 9 aree funzionali:

  • Payment : La Rivoluzione dei pagamenti é stata la più sensazionale.Il mobile è stato e sarà la piattaforma vincente, per cui si prevede che l’abilitazione ai pagamenti su servizi di messaggistica istantanea come Messanger, WhatsApp e Telegram rappresenterà la prossima evoluzione attesa in questo mercato.
  • Capital market and trading: la rivoluzione Fintech ha accelerato la crescita del mondo delle aziende di trading. Ha generato strumenti utili per l’attività di trading, cioè di negoziazione e scambio di titoli.
  • Money Management : in questo caso la tecnologia ha permesso la creazione di piattaforme utili alla gestione del denaro e a veri e propri “salvadanai online”. Inoltre in questa area rientrano anche tutte le piattaforme di fatturazione elettronica.
  • Wealth and asset Management : questo settore ha visto nel 2018 una crescita del fatturato del 51%. Rientrano in questa categoria le piattaforma di equity crowdfunding. Il crowdfunding è la raccolta fondi che, mediante il web ed il coinvolgimento della “folla”, riesce a convogliare ingenti somme di denaro per la realizzazione di una precisa causa. In particolare, si parla di equity crowdfunding quando tramite l’investimento online si acquista un titolo di partecipazione in una società.
  • Insurtech: Il neologismo identifica praticamente tutto ciò che è innovazione tecnologica in ambito assicurativo: software, applicazioni, start-up, prodotti, servizi. Tale area è quella maggiormente in crescita, in linea con i trend globali.
  • Lending:  il settore dei prestiti è quello che ha subito una crescita fin dagli albori e che ancora continua a migliorarsi. É uno dei settori con più alto di redditività. Le Fintech landing si propongono di avvicinare il cliente a un servizio bancario (quello dei mutui e prestiti) tramite un click. 
  • Cybersecurity : Il settore relativo alla sicurezza informatica. In altre parole, strumenti e tecnologie la cui funzione è quella di proteggere i sistemi informatici dagli attacchi dall’esterno. Il mercato della Cybersecurity presenta un ampio numero di società dal fatturato molto vicino al milione di euro.
  • Regtech: Il termine RegTech indica l’impiego di strumenti tecnologici per facilitare l’implementazione delle nuove regolamentazioni e della compliance nell’ambito dei servizi finanziari, per supportare le procedure di adeguamento, conformità, rispetto di norme e regolamenti e per l’automatizzazione dei processi di reportistica alle autorità di vigilanza. RegTech sfrutta le nuove tecnologie (algoritmi inclusi) per gestire, in maniera agile ed efficace, le enormi banche dati degli istituti bancari e assicurativi, rendendo l’attività di regulatory management più semplice. 
  • TechEnabler: aziende che offrono prodotti e servizi per il mondo finance e usano tecnologie di analitics e intelligenza artificiale

START UP FINTECH

Le innovazioni FinTech hanno aperto nuove opportunità di business e ridotto significativamente il costo di nuove iniziative, motivo che ha determinato la nascita di nuove start-up innovative che, per loro natura, fanno convergere competenze finanziarie e competenze tecnologiche e che, superata la fase iniziale di sperimentazione, stanno muovendosi sempre più verso obiettivi di business tangibili. Tali start-up innovative, attraverso l’uso di nuove tecnologie, propongono un ripensamento dell’esperienza del cliente nella fruizione dei prodotti e servizi finanziari, soddisfacendo le esigenze proprie delle nuove generazioni (in un mercato dalle fattezze sempre più digitali) e favorendo l’inclusione finanziaria. 

La diffusione delle start-up FinTech è stata favorita anche dal progressivo deteriorarsi del rapporto tra banca e cliente, dal venire meno della fiducia nel sistema finanziario tradizionale (soprattutto dopo la recente crisi economica) e dalla stretta creditizia messa in atto dalle banche per fronteggiare tale crisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.