LinkedIn: in arrivo la funzione che connette aziende e freelancer

Tempo di lettura: 3 Minuti

Sempre più sul pezzo, LinkedIn non smette di crescere e di aggiungere nuove funzionalità. L’ultima feature di LinkedIn è una piattaforma che promuove la nascita di opportunità di impiego mettendo in contatto  aziende e professionisti freelance.  Il suo nome è Marketplaces e consente ai milioni di utenti del social network di trovare e prenotare un freelance.

Questa notizia conferma ancora una volta il ruolo fondamentale che LinkedIn sta avendo nella vita professionale dei suoi utenti.

Prima ancora di parlare di Marketplaces e delle opportunità che offre, andiamo ad analizzare il trend di crescita di LinkedIn negli ultimi anni. Perché oggi ha così tanta importanza essere su questo social network?

L’importanza di LinkedIn durante la pandemia

I social network, e più in generale il mondo digitale, hanno avuto nel corso del primo lockdown un ruolo centrale per la vita di ognuno di noi. A oltre un anno dall’inizio della crisi sanitaria che, a causa del Covid19, ha investito il mondo intero, possiamo definitivamente affermarlo. I social network si sono distinti quanto a rilevanza del loro peso sulle nostre esistenze. Non fa di certo eccezione LinkedIn. Anzi, il social network dedicato ai rapporti professionali aveva registrato sin da subito un incremento delle interazioni dei suoi utenti. Approfittandone, ad esempio, per introdurre le stories. Funzionalità volta ad aumentare la connettività tra colleghi in smart working.

Gli utenti su LinkedIn hanno interagito di più in quel periodo per vari motivi. Qualcuno ha avuto la necessità di cercare nuove opportunità lavorative, altri hanno impiegato il tempo a disposizione per  migliorare il proprio profilo. Insomma, di ragioni per scorrere il feed di LinkedIn in effetti ne abbiamo avute parecchie.

Non è un caso dunque che il social network, cavalcando l’onda, abbia in poco tempo introdotto novità e nuove features. Non è passato molto tempo infatti dal rilascio di LinkedIn Pulse, il servizio che consente agli utenti di creare un blog interno al proprio profilo.

Cos’è Marketplaces

Ancora in fase di sviluppo, il progetto Marketplaces avrà l’obiettivo di supportare le aziende in cerca di collaboratori freelance. L’obiettivo di LinkedIn è quello di diventare sempre più un punto di riferimento per le operazioni in ambito di Risorse Umane.

Non è una novità assoluta per il social dei rapporti professionali. Marketplaces si può definire infatti un’evoluzione del già esistente ProFinder. Questo servizio, lanciato nel 2015, aveva infatti lo stesso obiettivo, connettere aziende e professionisti. 

Marketplaces ha però mire di espansione più grandi. Pur avendo il medesimo scopo, allarga in maniera significativa le reali possibilità di connessione tra i due soggetti chiamati in causa. Il più grande cambiamento che la pandemia ha portato con sé è la necessità, presto trasformata in opportunità, di lavorare in qualunque parte del mondo.

Con Marketplaces le barriere geografiche potranno essere definitivamente abbattute. Consentirà facili connessioni infatti tra soggetti anche molto lontani grazie alla possibilità di scegliere talenti in ambiti molto più vasti. 

Oltre quindi al valore aggiunto che offre ai suoi utenti con la piattaforma Marketplaces, LinkedIn punta anche ad accrescere la sua potenza. Il servizio assicurerà infatti al social network un aumento delle interazioni e del coinvolgimento. Questo potrebbe facilmente tradursi in un vantaggio cogliendo l’occasione di ampliare ad esempio le opzioni a pagamento e le offerte pubblicitarie. Uno degli scenari possibili potrebbe vedere i freelance avvalersi di ulteriori funzionalità a pagamento per farsi trovare dalle aziende e promuovere i propri servizi. 

Un portafoglio digitale

Come abbiamo già sottolineato LinkedIn non si ferma mai e a completare il servizio c’è un’ulteriore opportunità. Il percorso di lancio del progetto Marketplaces potrebbe includere infatti anche lo sviluppo di un portafoglio digitale. Lo scopo sarebbe quello di facilitare notevolmente i pagamenti sulla piattaforma. 

Un progetto insomma che offre opportunità rilevanti alle aziende, ai freelancer e in generale potenzialmente a tutti gli utenti di LinkedIn. Inoltre, a ben guardare, al social stesso, che in questo modo si aggiudicherebbe il posto d’onore nell’olimpo dei social network professionali.