Google Trends: cos’è e perché utilizzarlo?

Google Trends
Tempo di lettura: 2 Minuti

Google Trends è un punto di riferimento per chi cerca delle soluzioni intelligenti per prevedere la buona riuscita dei contenuti online. Il motivo? Semplice, questo tool di Mountain View consente di monitorare le ricerche.

Questo tool consente di osservare come procedono le richieste dei potenziali lettori nel tempo. In questo modo puoi osservare se una determinata query aumenta nel tempo, oppure diminuisce o ancora rimane stabile.

Questa soluzione consente di prevedere la riuscita di un determinato contenuto e il potenziale interesse del pubblico nei suoi confronti.

In alcuni casi è possibile addirittura prevedere cosa faranno le persone a distanza di mesi in modo da arricchire il calendario editoriale nel modo giusto. Ma per sfruttare tutto questo al meglio c’è bisogno di una guida.

Cos’è Google Trends

Si tratta di uno strumento gratuito per scoprire le tendenze di ricerca su Google. Il suo scopo è quello di consentire al pubblico, marketer e non solo, di individuare come si muove l’esigenza dell’utente medio online.

Le sue funzioni non riguardano solo la possibilità di far effettuare una singola ricerca al pubblico, ma anche di mettere a confronto più query digitate e individuare altre informazioni utili che riguardano:

  • Località regionale.
  • Città (in alcuni casi).
  • Query correlate.
  • Ricerche emergenti.

Tutto questo sempre con una prospettiva che riguarda la singola ricerca e il confronto con più parole chiave. In questo modo è più facile scoprire se c’è una disparità tra i vari termini che fanno parte dell’interesse pubblico.

Perché devi usare Google Trends

La prima risposta: è molto interessante scoprire cosa vogliono le persone dal web. In realtà Google Trends è uno strumento veramente utile per chi fa web marketing e in particolare SEO. Ma soddisfa anche altre esigenze.

Ad esempio è fondamentale per chi fa ricerca universitaria, consente di scoprire dei dati veramente difficili da definire in altri modi. 

Inoltre può essere usato in campagne elettorali o analisi di mercato. Chi fa ricerche sociologiche trova grande utilità in Google Trends. E poi c’è la semplice curiosità: puoi scoprire tanti argomenti e temi utili per ogni attività.

Chiaramente, un largo uso viene fatto dai blogger e da chi vuole creare buoni contenuti per arricchire il piano editoriale di progetti personali e aziendali. Impossibile fare a meno di questo tool per scrivere contenuti SEO friendly. In sintesi, perché usare Google Trends per chi fa web marketing?

  • Trovi nuovi argomenti per il blog
  • Scopri se vale la pena o meno creare una pagina
  • Individui temi ridondanti, evitando duplicati
  • Riesci a scoprire delle keyword in settori particolari

Il terzo punto è importante. Prendi come esempio una query come “esame di maturità”. E’ una ricerca ridondante e ha due picchi fondamentali: l’uscita delle materie da portare durante questa prova (inverno, fine gennaio) e nei pressi dell’esame vero e proprio. Ora, quali sono le domande di un blogger? 

Bisogna pubblicare ogni anno un articolo generico dedicato all’esame di maturità? O conviene aggiornare ciò che è stato già pubblicato e riscrivere il post per riproporlo alla scansione di Google tramite search console? Trends aiuta a prendere queste decisioni.

Ma anche a individuare le ricerche in ambiti particolari (quarto punto) come Google News, immagini e YouTube. Ovvero settori difficili da indagare senza il contributo di Mountain View.