Lead Generation: Strumenti e tecniche

Tempo di lettura: 3 Minuti

La lead generation è una strumento di generazione di contatti sempre più utilizzato nelle strategie di marketing.

Abbiamo visto negli articoli precedenti che cos’è e perchè è importante fare lead generation. Vi abbiamo raccontato come si applica tale strategia e  chi può utilizzarla come strumento di web marketing (Clicca qui per l’articolo) . Oggi andiamo a scoprire quali strumenti e quali tecniche  utilizzare.

STRUMENTI PER FARE LEAD GENERATION

Come puoi ben intuire questo percorso ha bisogno di utility specifiche. 

In primo luogo può essere utile avere un tool per creare landing page. La landing page infatti come si è detto, è il primo step per generare nuovi contatti. Sicuramente i contatti che entreranno dovranno essere gestiti in modo semplice attraverso un CRM ben strutturato.

Infine classificati i contatti dovranno essere contattati tramite newsletter o email alert.

Insomma gli strumenti da utilizzare sono tantissimi.

Noi consigliamo di avere un software che riunisca più utility possibile così da avere tutti gli step del processo in un’unica piattaforma.

Hubspot ad esempio, è una piattaforma cloud all in one. HubSpot raccoglie tutti gli strumenti aziendali utili a chi si occupa di vendita, a chi si occupa di marketing e a chi si occupa di erogare il servizio, automatizzando le interazioni interne all’azienda, tra queste figure chiave, ed esterne, con i Clienti. (clicca qui per saperne di più )

COME COSTRUIRE UNA STRATEGIA DI LEAD GENERATION

Ora che hai gli strumenti vuoi creare una strategia di lead generation?

Questo è già un buon punto di partenza perché hai colto l’importanza di avere un flusso costante e continuo di contatti potenzialmente interessati al tuo lavoro. Ti assicuriamo che questo è uno dei metodi migliori per sviluppare al meglio le dinamiche del digital marketing.

Il nodo, però, non è semplice da risolvere. Perché se da un lato l’idea di iniziare un lavoro di lead generation ti attira, dall’altro non è chiaro come attivare questa soluzione.

I LEAD MAGNET

Innanzitutto bisogna dire che è impossibile operare in questo settore se non hai una buona attività legata ai lead magnet. Di cosa sto parlando? Il lead magnet è uno strumento da usare per attirare i contatti e acquisire l’email che inserirai in liste profilate. Quali sono i lead magnet che funzionano? Dipende dal target, in linea di massima puoi sfruttare:

  • Ebook da scaricare
  • Webinar gratuiti
  • Eventi e presentazioni
  • Documenti da scaricare
  • Dati e ricerche

Detto in altre parole, un buon lavoro di content marketing ti può aiutare ad acquisire i contatti di un pubblico utile ai tuoi scopi. Puoi creare un ebook dedicato alle regole base del blogging, ottenere le email di persone interessate a questo tema e inviare delle offerte per vendere un corso di blogging per principianti. In questo percorso, però, non devi dimenticare di nutrire i contatti. Qualche dettaglio in più su questo tema?

IL NURTURING DEI CONTATTI

Parlare di lead nurturing è importante perché ti dà la possibilità di capire qual è la regola: deliziare il pubblico.

Per questo il concetto di inbound marketing attraversa ogni passaggio della strategia di lead generation, non devi usare questo canale solo per inviare offerte economiche, sconti e comunicazioni commerciali.

Come puoi ben vedere da questo grafico di Hubspot ci sono fasi differenti per diversi stadi del funnel.

C’è il top of funnel (TOFU), composto da utenti appena entrati in questo percorso, poi c’è la sezione intermedia e infine la chiusura.

Più scendi e maggiore è la necessità di alimentare i contatti con contenuti definiti, specializzati, non generici ma specifici. Vale a dire diretti verso interessi specifici, studiati per soddisfare esigenze.

FONTI DI CONTATTO

Per ottenere i contatti della tua attività di lead generation puoi sfruttare diversi strumenti.

Il blog è una strada utile, ma non è l’unica.

Anche Facebook Advertising ha dei canali per ottenere email e contatti, lo stesso discorso può essere fatto con LinkedIn e landing page (le famose squeeze page) spinte da Google Ads.

Quello che ti serve è strutturare un percorso chiaro, ben allineato agli obiettivi e adeguato al target. Non tutti i funnel sono articolati in questo modo: molto dipende dal tipo di azienda che stai cercando di promuovere, dalle esigenze del pubblico e dalla complessità del prodotto o servizio. Ogni strategia è diversa, ogni caso differente. 

Il nostro lavoro? Studiare a fondo il caso, comprendere la situazione e agire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.