Lean StartUp: un approccio innovativo per idee innovative!

Attualmente le aziende di tutto il mondo si guardano nelle tasche per racimolare quei pochi centesimi che rimangono.

I giovani che volevano diventare imprenditori ora ci pensano due, tre o forse anche quattro volte prima di aprire una società.

Ma forse un rimedio c’è.

Si chiama Lean Start Up ed è un sistema scientifico per verificare, con tempi e costi ridotti, se un prodotto o un servizio funzionano sul mercato.

LA SITUAZIONE DI CRITICITÀ’

La principale criticità che si trova ad affrontare una Start-up  è senz’altro il reperimento dei finanziamenti necessari per l’avvio dell’attività.

Dunque stiamo parlando della nascita e lo sviluppo dell’impresa nella delicatissima fase in cui ci sono costi da sostenere, magari anche ingenti, mentre i ricavi sono ancora di là da venire. 

Non è molto diversa la situazione per le PMI, quando si voglia ad esempio finanziare lo sviluppo di un nuovo ramo d’azienda, di un nuovo prodotto o di nuovi mercati internazionali senza essere in grado di fornire quelle “garanzie” che il sistema bancario tradizionale ancora richiede come indispensabili per la concessione di finanza a debito. In assenza di supporto dal sistema bancario, la maggior parte degli imprenditori finanzia le proprie iniziative imprenditoriali con risparmi personali.

LA METODOLOGIA LEAN STARTUP

La “hypothesis-driven entrepreneurship” o Lean Start Up  è un approccio sistematico che utilizza tre tecniche per validare il modello di business proposto da una Start-up attraverso la sperimentazione. 

Seguendo quest’approccio, un imprenditore traduce la sua visione in ipotesi falsificabili del modello di business per dopo testarle con una serie di “Minimum Viable Product” (MVP). 

Ma vediamo la metodologia più da vicino.

LEAN STARTUP STEP by STEP
  • Step 1: Develop a Vision (Ideazione)
    Prima che un imprenditore possa generare ipotesi sul modello di business, deve avere una visione del problema da affrontare e una possibile soluzione.
    Questa fase iniziale di sviluppo di una visione è chiamato “ideazione”.
  • Step 2: Translate the Vision into Hypotheses
    Una volta sviluppata la visione,  poi la si traduce in ipotesi falsificabili del modello di business.
    In altre parole prima di realizzare ciascun esperimento si deve controllare la qualità propria dell’ipotesi in termini di falsificabilità .
    Il Business Model è fondamentale in questo Step.
    L’obiettivo è quello di far emergere i problemi potenziali “deal-breaker” e una possibile mancanza di coerenza interna tra gli elementi del modello il più presto possibile affinché si possa stimolare una ricerca di diverse strategie per affrontarli.
  • Step 3: Specify MVP Test
    Per una StartUp è essenziale massimizzare l’apprendimento per unità di tempo e sforzo.
    Il modo migliore per accelerare l’apprendimento per Paul Graham è:
    Lanciare presto e spesso. Tecniche come focus group e sondaggi aiutano, ma gli imprenditori ottengono risposte molto più affidabili quando hanno messo un vero e proprio prodotto in mani dei clienti reali in un contesto reale” (Paul Graham,2010)
    Per lanciare presto e spesso si devono specificare MVP.
    Un MVP è il più piccolo insieme di funzioni e /o le attività necessarie per completare quello che Ries definisce un ciclo “build- measure-learn” e quindi testare un modello di business.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.